NOTA! Questo sito utilizza i cookies. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più.

Sii uno Yogi, in ogni circostanza

Questa mattina, Shriman Matsya Avatar Prabhu ci ha offerto un’importante riflessione sul tema dell’equilibrio. Qui di seguito potete leggerne una sintesi attraverso i miei appunti personali. La lezione integrale la potete ascoltare nella raccolta audio di lezioni “Riflessioni, Meditazioni e Realizzazioni. Anno 2018”.
Vostra servitrice, Madhavipriya d.d.

Quando ci guardiamo dentro, occorre coraggio, perché spesso emergono parti di noi quasi opposte, potremmo definirle: sacre e profane. Nella vita incarnata non è possibile liberarsi completamente di questa dicotomia, ma vorrei anche incoraggiarvi a non vederla come una frattura o una spaccatura insanabile. Eppure etimologicamente “sacro”  significa proprio “ciò che è legato ad un valore trascendente; per estensione, inviolabile, separato”, quindi una sorta di separazione ci deve pur essere. E se il sacro è separato dal profano, allora ovviamente anche il profano è separato dal sacro. 

Così come potremmo dire che la razionalità è separata dal mondo dei sentimenti, dal linguaggio del mito e dei sogni, e viceversa.
Ma se io non avessi sentimenti o intuizioni, cosa potrebbe sostenere e motivare la mia razionalità?  
E se il sentimento non fosse accompagnato da una certa dose di razionalità, cosa accadrebbe? Sarebbe come un fiume che esonda e produce disastri. Occorre non farlo tracimare, ma allo stesso tempo non sopprimerlo. Sono dunque importanti, contestualmente, sia intuizioni e sentimenti che capacità logico-razionale. Quest’ultima, senza i primi, diventerebbe sterile, arida; l'immagine che emerge nella mia mente in questo momento è una sorta di labirinto che chiude, soffoca e opprime la persona.

Lo Yoga è la misura, la capacità di stare in equilibrio tra la sfera della razionalità e i sentimenti, e anche tra il sacro - che da solo tenderebbe a separare troppo la persona dal mondo in cui vive - e il profano, che non possiamo non considerare fintanto che siamo incarnati e che tuttavia, senza il sacro, rimarrebbero privo di finalità ultima.

La separazione tra sacro e profano esiste, ma dovrebbe essere vissuta in un rapporto di complementarietà, di armonia ed equilibrio, come esiste una separazione tra l’argine e il fiume, però il fiume necessita dell’argine e l’argine senza il fiume non avrebbe senso alcuno. Nella Bhagavad-gita Shri Krishna spiega questa suprema scienza della misura e dell’equilibrio, definendola appunto Yoga. E così esorta Arjuna: “Sii uno Yogi, in ogni circostanza” (Bg. VI.46). 


Matsyavatara.com

Questo sito è gestito dai discepoli di Shriman Matsyavatara dasa Prabhu. Vi puoi trovare audio MP3, foto, video, articoli, memorie e riflessioni del nostro Guru Maharaja. Se vuoi collaborare ed aiutare a migliorare questo servizio, ti preghiamo di contattarci!